Testi Canzoni Francesco Guccini

Francesco Guccini

Canzone Del Bambino Nel Vento (Auschwitz)

Son morto con altri cento, son morto ch'ero bambino,passato per il camino e adesso sono nel vento e adesso sono nel vento.Ad Auschwitz c'era la neve, ...

Prosegui la lettura

Venezia

F.Guccini/Biggi/G.AlloisioVenezia che muore, Venezia appoggiata sul marela dolce ossessione degli ultimi suoi giorni tristi, Venezia la vende aiturist ...

Prosegui la lettura

Antenor

F.GucciniSi chiamava Antenòr e nientesi chiamava Antenòr e bastaperché per certa gente nonimporta grado o castaimporta come vivima forse ...

Prosegui la lettura

Bologna

F.GucciniBologna è una vecchia signora coi fianchi un po' mollicol seno sul piano padano ed il culo sui colli.Bologna arrogante e papale, Bolog ...

Prosegui la lettura

Lager

F.GucciniUn lager. Cos'è un lager?E' una cosa nata in tempi tristi,dove dopo passano i turistiocchi increduli agli orrori visti(non gettar la p ...

Prosegui la lettura

Black-Out

F.GucciniLa luce è andata ancora via,ma la stufa è accesa, e così siaa casa mia tu dormirai, ma quali sogni sogneraicon questa lu ...

Prosegui la lettura

Milano (Poveri Bimbi Di)

F.Guccini/G.AlloisioF.GucciniQuando son nato iopesavo sei chiliavevo spalle da uomoe mani grandi come badili.Quando son nato ioeran davvero tempi cupi ...

Prosegui la lettura

Argentina

Il treno, ah, un treno è sempre così banale se non è un treno della prateriao non è un tuo "Orient Express" speciale, loco ...

Prosegui la lettura

Gulliver

Nelle lunghe ore d'inattività  e di ieriche solo certa età  può regalare,Samuele Gulliver tornava coi pensieriai tempi in cui cor ...

Prosegui la lettura

Inutile

A Rimini la spiaggia com'è vuota, quasi inutile di marzo,deserta dell' estate, in ogni simbolo imbecille e vacanzierae noi, senza nemmeno un po ...

Prosegui la lettura

Scirocco

Ricordi le strade erano piene di quel lucido scirocco che trasforma la realtà  abusata e la rende irreale, sembravano alzarsi le torri in un la ...

Prosegui la lettura

Culodritto

Ma come vorrei avere i tuoi occhi, spalancati sul mondo come carte assorbentie le tue risate pulite e piene, quasi senza rimorsi o pentimenti,ma come ...

Prosegui la lettura

Back to Top